Indice dei contenuti

Creato il 18-06-2024

Guida alla scelta delle forche per carrelli elevatori

Forche di un carrello elevatore

Nella scelta del carrello elevatore adatto alle tue esigenze di movimentazione, ci sono vari aspetti che dovresti prendere in considerazione e la scelta delle forche è uno di questi. 

Infatti, scegliere le forche corrette è essenziale per garantire la sicurezza nel sollevamento delle merci, sia per l’utente che per il carico stesso.

Pensa che montare delle forche inadatte, alle merci che andrai a movimentare e alle infrastrutture installate nel magazzino, potrebbe arrecarti anche seri danni economici, e questa è una cosa che vorresti evitare, giusto? 

Iniziamo, dunque, con un approfondimento sulle forche per poi andare a capire quali aspetti tenere in considerazione per scegliere le forche per i tuoi mezzi. 

Cosa sono le forche?

Le forche sono essenzialmente le “braccia” del carrello elevatore: estensioni in metallo, generalmente realizzate in acciaio di alta qualità, progettate per inserirsi sotto carichi pesanti, sollevarli e trasportarli con stabilità e sicurezza da un punto all’altro del magazzino o dell’area di lavoro. 

Le forche si agganciano alla piastra porta forche del carrello elevatore, la quale permette loro di potersi muovere lungo gli assi verticale e orizzontale. Questo movimento consente all’operatore di adattare l’altezza e l’angolazione delle forche per accomodare carichi di diverse dimensioni e forme, garantendo così che le merci possano essere sollevate e posizionate con precisione.

Senza forche adeguatamente scelte e mantenute, queste operazioni potrebbero diventare non solo inefficaci, ma anche pericolose, causando il ribaltamento del carico e potenziali danni al carrellista.

Come scegliere le forche per i carrelli elevatori: 

Prima di scoprire quali tipi di forche esistono in commercio, è bene che tu conosca soprattutto quali fattori dovresti valutare ai fini di sceglierle sulla base delle tue esigenze operative. Ecco, quindi, alcuni dei principali aspetti da considerare:

Capacità carrello elevatore

La capacità di carico del carrello elevatore è il primo e forse il più importante fattore da considerare nella scelta delle forche. Ogni carrello ha un limite massimo di peso che può sollevare, e le forche scelte devono essere in grado di supportare questo peso senza compromettere la stabilità del carrello. È essenziale che la capacità delle forche sia allineata con quella del carrello elevatore, assicurando così che tutte le operazioni di sollevamento siano eseguite in modo sicuro e conforme alle specifiche tecniche del mezzo.

Per esempio: se il carrello elevatore può sollevare 2 tonnellate, le forche dovranno avere la stessa capacità di sollevamento.

Tipo di carico da sollevare

Il tipo di merce che deve essere movimentato gioca un ruolo cruciale nella selezione delle forche. Merci di diverse dimensioni, forme e pesi richiedono tipi di forche specifici per garantire una manipolazione sicura e efficiente. 

Per esempio: se devi movimentare carichi lunghi e ingombranti avrai la necessità di forche telescopiche o di prolunghe per una migliore gestione dello spazio e visibilità, mentre per carichi più pesanti e compatti avrai bisogno di forche più robuste per sostenere il peso senza flettere.

Inoltre, alcuni carichi potrebbero richiedere materiali specifici delle forche, come rivestimenti antiscivolo o protezioni anti-graffio, per prevenire danni durante il trasporto.

Piastra portaforche: 

Anche la compatibilità tra la piastra porta forche del carrello e le forche stesse è fondamentale per garantire un montaggio sicuro e stabile. La piastra, infatti, è il punto di ancoraggio delle forche e può variare in termini di dimensioni, forma e meccanismo di attacco, a seconda del modello e del tipo di carrello elevatore.

→ Prima di scegliere le forche, consulta il libretto tecnico del tuo carrello elevatore, dove viene riportato il tipo di forca adatto, o chiedi a un esperto di carrelli elevatori per assicurarti che la combinazione di carrello-piastra portaforche-forche sia corretta.

In Officina Pavan, possiamo fornirti supporto in questa fase. Contattaci per ulteriori informazioni!

Esigenze specifiche

Oltre alla capacità del carrello, al tipo di carico e alla piastra, ci sono altre esigenze specifiche che possono influenzare la scelta delle forche. Queste includono:

  • Ambiente di lavoro: L’ambiente di lavoro influenza direttamente il tipo di forche da utilizzare.

→ hai ambienti con spazi ristretti o corsie strette? Forche più corte possono migliorare la manovrabilità. 

  • Frequenza di uso e durabilità: In operazioni ad alto volume dove le forche sono in uso continuo, opta per forche di alta qualità che possono offrire maggiore durabilità e resistenza all’usura.
  • Regolamentazioni di sicurezza e standard industriali: Alcune industrie hanno normative specifiche che influenzano la scelta delle forche, come quelle relative alla movimentazione di materiali pericolosi, che possono richiedere forche con caratteristiche di sicurezza speciali.

Considerare attentamente ciascuno di questi fattori può aiutare a ottimizzare le prestazioni e la sicurezza del carrello elevatore.

Due carrelli elevatori con forche aperte

Tipi di forche per carrelli elevatori:

Ora che abbiamo visto i fattori propedeutici alla scelta delle forche, cerchiamo di capire quali forche esistono per i carrelli elevatori. 

Esistono, infatti, diverse configurazioni di forche, ciascuna adatta a specifici tipi di carichi e operazioni.

  • Forche a perno (Pin Type Forks): le più versatili e facilmente intercambiabili, con tipo di aggancio a perno, ideali per ambienti di lavoro dinamici dove i tipi di carico variano frequentemente.
  • Forche FEM (Forklift European Manufacturers): standardizzate per fabbricanti europei, disponibili in diverse classi di capacità di carico per accogliere un range specifico di peso e dimensioni, adatte per una vasta gamma di applicazioni industriali. Questo tipo di forche è quello più ampiamente utilizzato.
  • Forche DIN (Deutsches Institut für Normung): conformi agli standard tedeschi, queste forche sono note per la loro robustezza e affidabilità, adatte per il sollevamento di materiali pericolosi o delicati.
  • Forche SVG (Special Vehicle Grade): progettate per esigenze specifiche, come carichi pesanti o materiali di forme irregolari, combinano resistenza e flessibilità per applicazioni non consuete o impegnative.
  • Forche imbullonate (Bolted Forks): fissate tramite bulloni per garantire una maggiore stabilità, sono ideali per operazioni di sollevamento in condizioni difficili o per il trasporto di merci particolarmente pesanti o instabili. Assieme alle forche FEM, anche queste forche sono molto utilizzate.
  • Forche Telescopiche: estensibili e retrattili, permettono di sollevare due pallet contemporaneamente o di raggiungere carichi inaccessibili, ottimizzando le operazioni di carico e scarico.

Considerazioni sulle dimensioni delle forche

La considerazione sulla lunghezza delle forche necessarie al tuo carrello elevatore va fatta in base alle misure delle merci che il muletto andrà a spostare, assicurando sempre il corretto sostegno.

Tieni presente che le forche standard hanno una misura di 1200mm sui carrelli frontali, data dalla dimensione degli Europallet che vengono utilizzati per facilitare la movimentazione delle merci. Nei carrelli retrattili, invece, la misura standard è di 1150 mm.

Tuttavia, le forche possono avere anche dimensioni diverse, a seconda delle tue necessità.

→ Nel caso in cui, saltuariamente, movimenti carichi più lunghi, puoi dotare le forche delle prolunghe accessorie, di cui trovi un approfondimento nel paragrafo seguente.

Accessori speciali per esigenze specifiche 

Esistono anche degli accessori che aiutano a migliorare la funzionalità delle forche standard e che consentono una personalizzazione specifica per gestire carichi o condizioni di lavoro particolari. Ecco alcuni degli accessori più utili e innovativi disponibili:

  • Prolunghe per forche: sono estensioni che si applicano alle forche esistenti, permettendo di movimentare carichi più lunghi o più voluminosi senza necessità di sostituire l’intero set di forche. Per questioni di sicurezza, ricorda che la lunghezza della prolunga non deve mai superare i 2/3 della lunghezza delle forche!
  • Coperture antiscivolo: si applicano sulle forche per migliorare la presa sui carichi, particolarmente utili in ambienti umidi o su materiali scivolosi. Queste coperture aiutano a prevenire la caduta accidentale delle merci durante il sollevamento e il trasporto, aumentando la sicurezza.
  • Bilance integrate: permettono di pesare il carico mentre viene sollevato. Questo accessorio è estremamente utile in ambienti dove il peso preciso del carico è critico, come in spedizioni, ricevimenti e processi di controllo qualità.
  • Cuscini paraurti: sono progettati per essere montati sulle forche per proteggere i carichi fragili e delicati durante la movimentazione. Questi cuscini riducono l’impatto e le vibrazioni, minimizzando il rischio di danni a oggetti fragili o sensibili.
  • Posizionatore forche: è un’attrezzatura che si applica alle forche che regola automaticamente la distanza tra di loro, adattandosi rapidamente a diversi tipi e dimensioni di pallet o carichi senza intervento manuale dell’operatore.

Verifica e manutenzione delle forche

Ultimo paragrafo, ma non per importanza, è il controllo delle forche, un aspetto fondamentale per garantire la sicurezza sia dei carrelli elevatori che degli operatori, oltre che essere un obbligo di legge. 

La verifica periodica delle forche, infatti, è regolamentata dal Decreto Legislativo 81/2008 sulla sicurezza sul lavoro e deve essere effettuata una volta all’anno da aziende specializzate nell’assistenza e manutenzione dei carrelli elevatori. Questo controllo annuale è essenziale per identificare eventuali segni di usura, deformazioni o danni che potrebbero compromettere la sicurezza delle operazioni di sollevamento.

Le verifiche di legge richiedono che le forche vengano ispezionate visivamente per accertarsi che siano dritte e intatte, mentre si utilizza il calibro per controllare l’usura del tallone delle forche. Questi controlli vengono eseguiti come da normativa ISO 5057.

Se le forche sono storte o crepate, queste vanno tassativamente sostituite. Inoltre, noi consigliamo il controllo forche con i liquidi penetranti, ovvero 3 liquidi diversi che, applicati alle forche durante il controllo, evidenziano micro crepe che vedresti difficilmente a occhio nudo.

Prevenire è meglio che curare!

Conclusioni: 

Insomma, la scelta delle forche più adatte al tuo carrello elevatore non è cosa da poco! 

Se hai bisogno di una consulenza per capire quali forche può montare il tuo carrello elevatore e quale lunghezza è più adatta ai carichi che devi movimentare, contatta Officina Pavan per avere un parere e un aiuto professionale. Siamo a disposizione per aiutarti a trovare la tua soluzione ideale!

RICHIEDI UN PREVENTIVO

Daniele, il nostro commerciale, vi contatterà quanto prima!